Inizio riunione in videoconferenza ore 21:00.

 

Sono presenti:

Antonio Ingroia, Giusy Clarke Vanadia, Leda Santosuosso, Carmela Blandini, Federica Bordoni, Antonio Catucci, Gianni Caramanico, Gian Luigi Ago, Valerio Borghetti, Antonio De Felice, Alfredo Visconti, Paola Benetti, Emanuela Lazzari, Tiziano Grottolo.

 

 

ODG:

1.         iniziativa politico legale contro Renzi

2.          proroga tesseramento

3.         approvazione protocollo di comunicazione

4.         costituzione gruppo Comunicazione

5.         candidatura Antonio Di Luca

6.         varie ed eventuali

 

Prende la parola il Presidente Antonio Ingroia introducendo i temi della riunione. Descrive le tre possibilità già discusse su Loomio circa le denunce a  Renzi e più precisamente si dichiara favorevole alla denuncia alla Procura di Roma ed alla Corte dei Conti e chiede siano firmate da tutto il Coordinamento Nazionale affinché l’azione sia politicamente più significativa. Per quanto riguarda la class action, che indubbiamente avrebbe carattere di maggior forza, pone le sue riflessioni e perplessità sul tempo, sul numero delle firme e sui rischi di varia natura, se fosse firmata da poche persone ci esporremmo a facili commenti irridenti. Dunque si dice contrario alla sua presentazione.  La posizione del Presidente è perfettamente in linea con la maggioranza dei membri del coordinamento nazionale.

Riferisce poi sulla situazione siciliana ed in particolare palermitana: grazie al lavoro di Giusy Clarke si sta recuperando terreno, soprattutto a Palermo. Per poter convocare regolarmente l’Assemblea regionale siciliana utile all’elezione dei Referenti Regionali ritiene necessaria la proroga della validità del tesseramento 2015. A tal fine il Presidente propone di estenderla al 30 giugno 2016 su tutto il territorio nazionale; ciò non significhi, però, un posticipo della campagna adesioni!

Accoglie la proposta di Ago sulla durata annuale della tessera (365 giorni, a prescindere dalla data di iscrizione) ma suggerisce di rinviare la decisione al prossimo coordinamento.

Porta a conoscenza del Coordinamento la candidatura a Roma di Marco Pettinelli nell’area di appoggio alla candidatura di Fassina della quale ha avuto comunicazione attraverso una mail ed esprime tutte le sue perplessità di metodo e di merito. La notizia suscita malumore tra tutti i membri del coordinamento, soprattutto perché si era già stabilito che Azione Civile non avrebbe appoggiato la candidatura di Fassina.

Azione Civile darà pieno sostegno, invece,  a Luigi De Magistris per la rielezione a Sindaco di Napoli. Il Presidente si dice molto soddisfatto per la candidatura di Antonio Di Luca all’interno della lista civica in sostegno a De Magistris. Ritiene che l'elezione di Di Luca sarebbe un bel passo avanti verso un rafforzamento della relazione tra Azione Civile e De Magistris nella quale andrebbe coinvolto anche Emiliano, governatore della Puglia, che rappresenta una sponda di conflitto interno al PD.

In merito alla  costituente rete territoriale per la Comunicazione fa presente che Maurizio Sansone è ancora molto impegnato a livello personale e Roberto Palumbo non ha  sciolto tutte le riserve su tale incarico. Le persone che hanno dato la loro disponibilità sono Antonio Ribaudo per la Sicilia, Carmine Parisi per la Campania e Gianni Caramanico per l’Abruzzo.

In ultimo il Presidente accenna anche alle prossime elezioni palermitane del Sindaco: gli aderenti locali di Azione Civile sarebbero propensi a sostenere la candidatura di Leoluca Orlando mentre il Presidente si dice scettico in quanto Orlando appartiene alla categoria dei politici di professione,  di stampo democristiano e non apertamente contro il PD.

Leda Santosuosso interviene sul tesseramento comunicando al coordinamento che è stato prodotto dal gruppo informatico, con la preziosa collaborazione di Simona Sinatra, un pieghevole con la doppia funzione di informazione e raccolta adesione. Tale brochure è stata condivisa su Google Drive ai membri del coordinamento affinché ne prendano visione.

Gian Luigi Ago si dichiara favorevole alla proroga del tesseramento per la Regione Sicilia. Ritiene che per il futuro  si debba cercare di stabilire una durata annuale a partire dal momento delle adesione, evitando di ricorrere a proroghe.

 Riguardo alla candidatura di Antonio Di Luca alle elezioni di Napoli ritiene che la cosa sia positiva ma per il momento si astiene in attesa di conoscere più esattamente nome, natura e composizione della lista che dovrebbe comprenderlo. In linea generale si dichiara però poco interessato, in questa fase, al momento elettorale in quanto foriero più di rischi, tra cui quelli di equivoci apparentamenti, che di effettiva possibilità di incidere sul cambiamento anche in caso di una, peraltro eventuale, elezione. Pensa che il momento elettorale dovrebbe servire al Movimento più per avanzare alle future giunte delle proposte di metodo in grado di coinvolgere il territorio in modo partecipativo sulle future scelte politiche, che per cercare di farne parte.

 Esprime un giudizio severo sulla situazione riguardante Azione Civile Roma che, a parte pochi elementi, tra cui anche una componente del Coordinamento,  ritiene sostanzialmente composta da aderenti e attivisti dell’Altra Europa, anche a livelli dirigenziali, totalmente assenti dalla vita politica del Movimento se non nelle situazioni in cui serva tentare di portarlo su posizioni peraltro già bocciate dal documento uscito dall’ultima Assemblea Nazionale e ancora prima dalla nostra uscita dall’AET. Chiede che la situazione venga chiarita, eventualmente anche sottoponendo la questione ai Garanti, in quanto decisioni autonome, totalmente divergenti dallo spirito generale del Movimento, potrebbero nuocere all’immagine e allo spirito di Azione Civile acuendo le divisioni interne e  minandone quindi l’unità. Propone che, essendo già state votate regolarmente le proposte relative al Protocollo di Comunicazione, si proceda alle operazioni informatiche per dare attuazione alle decisioni risultate dalla consultazione.

Interviene Alfredo Visconti

Sulla questione tesseramento, concorda sullo slittamento a fine giugno della data, anche perché molti di noi sono impegnati nelle amministrative e quindi tutto prende tempi ancora più lunghi, ed
avanza la richiesta,  chiedendo che venga messa ai voti, di escludere dal pagamento della quota minima di 10 euro gli studenti ed i disoccupati.

Rispetto alla candidatura di Antonio Di luca a Napoli ufficializza che Antonio sarà candidato in una delle tre liste del sindaco. Le liste sono cosi composte:

Una prima lista del sindaco ormai comunemente chiamata listino, una seconda che vede gli assessori in carica ed una terza lista prettamente civica che dovrebbe chiamarsi “Risorgimento”;  in quest ultima, capeggiata da Alessandra Clemente nipote di Sandro Ruotolo, verrà inserito Antonio.

Rispetto al report precedentemente inviato al coordinamento la novità è la fuoriuscita di azione civile e quindi di Antonio dalla lista “Napoli in comune”.

Quest'ultimo è un percorso che si è chiuso per decisioni non condivise, anzi fortemente avversate, prese sia dai movimenti sia dai partiti che a loro parere hanno determinato una chiusura netta verso i discorsi democratici e partecipativi che si erano stabiliti all'atto della creazione della lista.

Tiene a precisare che non sono loro ad aver proposto Antonio all'attuale Sindaco bensì è DEMA (gruppo ufficiale di De magistris) che ha invitato Antonio a candidarsi.

Questo percorso è stato condiviso con il Presidente al quale sia Visconti che Di Luca hanno costantemente riportato tutte le fasi di questo cammino.

La loro sarà una campagna elettorale porta a porta e fra le gente, anche perché si debbono fare i conti con la totale assenza di fondi economici.

Fa presente che per arrivare al successo di questa candidatura occorre anche il lavoro del coordinamento e degli aderenti tutti che devono impegnarsi in modo totale nelle azioni di coinvolgimento ed indicazione di voto nei confronti di Di Luca. Ci si auspica, per tanto, che tutti vorranno contattare eventuali parenti ed amici sia per il voto sia per far si che anche questo passa parola possa portare acqua al nostro candidato.
Questa azione è importante perché è fondamentale riuscire ad avere un bacino di voti superiore a quello che attualmente preventiviamo:  ad un maggior numero di voti corrisponde una maggiore influenza.

Ci si aspetta, quindi, il  massimo supporto di tutti ma soprattutto un aiuto costante durante la durata di questi ultimi giorni di campagna elettorale.

Tiziano Grottolo, che deve lasciare la riunione in anticipo,  si dice favorevole alla proposta di Visconti sulle tessere agevolate pro studenti e disoccupati e anche alla denuncia alla corte dei conti mentre nutre dei dubbi  sulla fattibilità della class-action.

Giusy Clarke Vanadia, nel suo intervento,  esprime ottimismo per il rilancio del gruppo di Palermo. Rivolge un appello al Presidente . Visto il successo e la risonanza che la legge La Torre bis sta riscuotendo sui media, sollecita la convocazione del Comitato promotore della legge. Dobbiamo approfittare dell´ondata di indignazione che il fenomeno della corruzione continua a sollevare nell´opinione pubblica. Non possiamo piú indugiare. Inoltre, essendo venuta a conoscenza dell´intervista che il Presidente rilascerá ad una televisione locale siciliana, in data 10 maggio, chiede che la notizia venga preventivamente annunciata attraverso i nostri mezzi di comunicazione e, successivamente, ne venga diffuso il video.  

Interviene Carmela Blandini, che chiede un parere legale al Presidente in merito ad un “template” di lettera sul rifiuto del bonus per valutare il merito dei docenti. Per il resto si dice in linea con il pensiero del Presidente.

A tal proposito interviene Federica Bordoni che fa presente a Blandini di aver già fatto qualcosa di simile. Farà avere quanto prima alla collega tutte le informazioni necessarie.

Interviene Borghetti Valerio confermando il suo entusiasmo per la Class Action  ma che purtroppo alla luce delle tante difficoltà la vede impraticabile al momento, dunque si dichiara daccordo con quanto proposto dal Presidente nel presentare le denunce sia alla Procura di Roma che alla Corte dei Conti a firma dei componenti il Coordinamento.

Per quanto riguarda la richiesta di proroga della scadenza del tesseramento si dichiara favorevole ed anche nella ricerca di una soluzione per i prossimi anni che potrebbe essere quella prospettata da Gian Luigi che va nel senso di rendere già valide per l'anno successivo tutte le adesioni effettuate dopo ottobre che  quella del Presidente che dice,  se la tecnica ci supporta, di far valere il tesseramento dalla data di adesione fino alla medesima data per l'anno successivo.

Si dice contrario alla situazione romana con l'appoggio a Fassina e contrario ad ogni decisione presa senza una consultazione assembleare e del coordinamento. Pensa possa prefigurarsi anche la possibilità di un rinvio al Comitato dei Garanti. Per quel che riguarda il gruppo Comunicazione ritiene che la strada indicata sia quella giusta e per proseguire nella direzione di avere il più ampio e competente gruppo comunicazione possibile con un referente, almeno, ogni regione si debba ricorrere anche all'esercizio provvisorio, laddove non si sia individuato un referente comunicazione, supplendo con il referente regionale in previsione e con l'impegno di individuarne uno al più presto.

Gianni Caramanico accenna, invece, alle attività che insieme ad altre associazioni sta portando avanti in ambito pescarese contro un sansificio. Purtroppo la comunicazione è pessima e con il Presidente si  decide di sentirsi telefonicamente l’indomani.

 

Si passa poi alla fase di votazione.

Viene approvata all'unanimità la proposta del Presidente che intende portare avanti le due denunce lasciando, a malincuore, decadere la class action. Si stabilisce che  le due denunce saranno firmate da tutti i componenti del coordinamento. Nell'arco di una settimana massimo lo studio legale Ingroia predisporrà la documentazione e successivamente dovrà trovarsi il modo per firmarla a distanza.

Viene approvata la proroga della validità del tesseramento 2015 al 30/06/2016 in modo da permettere il regolare svolgimento delle assemblee in programma. Si stabilisce di rinviare al prossimo coordinamento la proposta di GianLuigi Ago sul tesseramento annuale.

Si ratifica il protocollo di uso dei mezzi digitali già discusso su Loomio, che segue. Si pregano pertanto tutti i membri del coordinamento di attenersi a quanto stabilito. Tale protocollo va messo sul sito.

Si conclude il coordinamento alle ore 23.00.

 

PROCEDURE DI COMUNICAZIONE ONLINE (netiquette)

MAILINGLIST COORDINAMENTO

E’ riservata alle comunicazioni tra i componenti del Coordinamento e per inviare comunicazioni o link su quanto è o sta per essere presentato (votazioni, discussioni, ecc.) La netiquette impone, inoltre, di evitare complimenti, assensi o altre comunicazioni non strettamente necessarie e che si svolgano discussioni (a cui viene dedicato lo spazio del Forum).

DOODLE

E’ riservato alla decisione su date di svolgimento di riunioni, incontri o quant’altro. L’espressione della propria scelta deve essere svolta fino alla scadenza che deve essere indicata con un policy al momento dell’invio e che preveda un lasso di tempo di almeno due giorni di anticipo sulla prima data utile. Della apertura di un nuovo doodle va data comunicazione nella mailinglist del Coordinamento o, in casi fossero coinvolti esterni allo stesso, a tutti gli interessati.

NEWSLETTER

Come deciso con votazione in coordinamento del 7 aprile e successive votazioni.

ASSEMBLEA DIGITALE LOOMIO

Come da Statuto e in osservanza del regolamento che la riguarda, è riservata alle votazioni interne al Movimento con possibilità di brevi discussioni e motivazione del proprio voto.

COORDINAMENTO NAZIONALE

LOOMIO

I comunicati vanno proposti con una mail alla mailing list del Coordinamento nazionale contenente, oltre al testo del comunicato, anche il link per spostare la discussione su Loomio che sarà contestualmente aperta e dove si svolgerà tutto il dibattito. Concluso dibattito e votazione su Loomio, come da policy, il comunicato pronto ed approvato sarà nuovamente pubblicato sulla mailing list del Coordinamento nazionale.

COMUNICATO URGENTE

Discussione ore 5 Voto ore 2

COMUNICATO NORMALE

Discussione ore 12 Voto ore 3

FORUM

Come da decisioni del coordinamento del 7 aprile e successive votazioni.

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna