Inizio riunione in videoconferenza ore 15:12.

 

Sono presenti:

Ingroia Antonio, Santosuosso Leda, Ago Gian Luigi, Borghetti Valerio, Blandini Carmela,  Vanadia Clarke Giusy, Cavalca Nadia, Grottolo Tiziano, Bordoni Federica, Catucci Antonio, Visconti Alfredo, De Felice Antonio

 

 

ODG:

1. Campagna tesseramento.  Deliberazione acquisto tessere con numerazione progressiva come da preventivo proposto da Emanuela Lazzari

2. Comunicazione nazionale e territoriale: sito, newsletter, forum.

3. Assemblea digitale: discussione e approvazione regolamento proposto dal comitato operativo e scelta di una data per la convocazione della prima assemblea digitale.

4. Indagine sulla presenza di AC nei vari territori dove sono previste elezioni amministrative.

5. Verifica radicamento AC nei vari coordinamenti per la democrazia costituzionale ed altri movimenti (vedi prossimo referendum trivelle previsto per il 17 aprile prossimo)

 

La riunione si apre con l’intervento del Presidente che relaziona sul primo punto all’ordine del giorno.

Fornisce dettagli sul preventivo inviato da Emanuela Lazzari: 500 tessere con numerazione progressiva al costo di circa 70,00 euro con grafica similare alle attuali tessere.

Stabilito che le tessere del 2015 hanno validità fino ad aprile 2016, occorre dare avvio alla campagna tesseramento 2016, cominciando con la richiesta di rinnovo tesseramento per gli attuali aderenti.

Considerato l’impegno e la partecipazione costante di Emanuela Lazzari alle attività del movimento, il Presidente comunica che è sua intenzione chiedere a quest’ultima di entrare a far parte del Comitato Operativo.

Il Presidente, dopo aver ribadito che il gruppo comunicazione va potenziato sia a livello nazionale che territoriale, così come è stato fatto per il gruppo informatico, lascia la parola ad Alfredo Visconti per il secondo punto all’ordine del giorno.

Visconti fa sapere che il sito è praticamente finito, grazie anche al prezioso contributo di Simona Sinatra, e manca la messa in linea; ha ordinato il trasferimento su aruba, in modo che le email dei contatti visualizzati sul sito non siano personali ma generiche di azione civile. Il sito al suo interno gestirà anche la newsletter ed un forum generico più cinque gruppi tematici, in linea con le aree tematiche già esistenti. Conta di far vedere il sito al Presidente quanto prima e spera di terminare i lavori al massimo in due settimane.

Rassicura il Presidente in merito all’autonomia di gestione del sito: ciascun referente avrà un suo account di accesso e potrà pubblicare i suoi contenuti, così come Maurizio Sansone potrà gestire i contenuti a livello nazionale in totale autonomia ed i gruppi tematici potranno pubblicare i loro lavori.

In merito al terzo punto all’ordine del giorno il Presidente chiede che venga approvato il regolamento proposto dal comitato operativo ed integrato dagli interventi emersi su Loomio in modo che possa essere fissata la data per la prima assemblea digitale, essendo diventata urgente la nomina del comitato dei Garanti.

Per il quarto punto all’ordine del giorno il Presidente desidera effettuare uno “screening” per conoscere i comuni dove si andrà ad elezioni amministrative, sapere se vi è o meno la presenza di Azione Civile e controllare che, pur rispettando l’autonomia degli aderenti e dei gruppi territoriali, questi ultimi si muovano dentro la linea politica del movimento.

Comunica che è prevista per la prossima settimana (22-23 febbraio) una riunione a Roma con Sabrina Battista, referente regionale per il Lazio, e Marco Pettinelli, referente cittadino per Roma, allo scopo di valutare la candidatura di quest’ultimo  all’interno di una lista civica.

Infine per l’ultimo punto all’ordine del giorno ribadisce l’importanza di partecipare a tutte le battaglie referendarie e soprattutto di portare avanti il progetto di legge contro la corruzione. Su questo ultimo punto comunica che ci sarà probabilmente una riunione intorno al 26 febbraio con quanti hanno dato inizialmente la loro disponibilità a far parte del comitato promotore della legge La Torre bis.

Emerge, poi, la necessità che vi sia qualcuno all’interno del comitato operativo che faccia da raccordo e collegamento con tutti i comitati promotori dei vari referendum, capire dove non è presente Azione Civile e dove invece lo è, indagare sui motivi di assenza ed eventualmente sollecitare i referente territoriali di competenza.

Successivamente si apre il dibattito sui diversi punti, nell’ordine:

 

Interviene Federica Bordoni

Elezioni amministrative 2016 Umbria:

In Umbria si vota in 5 piccoli e medi comuni della provincia di Perugia (Assisi, Bettona, Bevagna, Città di Castello e Nocera Umbra) e in 4 piccoli comuni della provincia di Terni (Amelia, Avigliano Umbro, Montecatrilli, Parrano): in nessuno di essi abbiamo gruppi locali e nemmeno singoli iscritti di AC.

Campagna referendaria 2016-2017 Umbria:

Personalmente ho presenziato a due riunioni: una del CDC di Perugia per la costituzione del comitato referendario No e SI' della provincia di Perugia, cui ho portato l'adesione di AC; uno di Sinistra Italiana a Foligno, cui seguirà costituzione del comitato referendario tra qualche giorno, alla quale presenzierò per portare l'adesione di AC.

A Foligno si è costituito autonomamente un comitato referendario per il No che vede la presenza del referente locale (Foligno-Spoleto) del CDC,  Rifondazione Comunista, ANPI e l'associazione Città Futura di Spoleto, cui hanno partecipato a titolo privato i nostri iscritti Marcos Tursi e Danilo Santi quest'ultimo è stato nominato responsabile della comunicazione.

A Gubbio Marcos Tursi e Giovanni Vantaggi stanno organizzandosi per creare un comitato locale, pur fra molte difficoltà.

Per Terni mi propongo di contattare a breve il nostro ex-referente provinciale Alessandro Ferroni.

A Deruta forse una mia valida collega si impegnerà per l'organizzazione di un comitato locale, al quale AC aderirà nella persona della referente regionale in carica.

Situazione di AC in Umbria:

AC ha aderito al Coordinamento Regionale Umbro - Rifiuti Zero, indicando come naturale portavoce il nostro responsabile regionale del gruppo Ambiente e Salute di AC Giovanni Vantaggi che è già molto attivo e conosciuto in questo settore.

AC ha aderito al comitato referendario per il No e per il SI' del CDC della provincia di Perugia.

Ho effettuato personalmetne tre iscrizioni, alle quali spero di farne seguire a breve altre due o tre.

A breve ci organizzeremo per l'Assemblea Regionale che era stata rimandata a causa delle mie dimissioni poi ritirate.

Interviene Valerio Borghetti

Prende la parola Borghetti per portare il suo contributo sul tema del regolamento dell'Assemblea digitale.

Ricorda che il diritto a votare e a partecipare nelle Assemblee del Movimento a norma dello Statuto è riservato agli aderenti.

Dichiara che la sua preferenza sarebbe per fermare a 20 giorni prima della notifica dell'assemblea il diritto di partecipazione agli aderenti in quel momento, ma per andare incontro ad eccezioni che si sono poste e per consentire la più ampia partecipazione possibile propone la presentazione dell'art. 2  con una formula di compromesso nella seguente stesura:

Art. 2 Hanno diritto a partecipare all’assemblea digitale i soggetti aderenti ad Azione Civile risultanti alla data di 20 giorni precedenti l'inizio della discussione, coloro che risultano aderenti nell'anno precedente e non abbiano ancora rinnovato. Possono partecipare al voto coloro che sono in regola con l'adesione nei 5 giorni precedenti la fase di conclusione di discussione e comunque prima dell'inizio della fase di votazione.

Pronunciandosi poi sulla questione tesseramento si dice d’accordo  con il preventivo di Emanuela e con la formulazione che il Presidente ha esposto circa la distribuzione e la registrazione. Sostiene però che la campagna di adesione oltre al giusto aspetto delle tessere dovrebbe essere un momento di mobilitazione e comunicazione che potrebbe avere la sua realizzazione di partenza  da quel lavoro che si era fatto come resoconto di quanto si è realizzato per chiedere, magari con una lettera di presentazione del Presidente.

Riguardo al Sito esprime tutta la soddisfazione per il necessario strumento comunicativo soprattutto perché così riprenderà l'invio della newsletter e prenderà avvio il Forum che chiede sia riservato agli aderenti come strumento per sentirci fra tutti coloro che lavorano per il movimento, se poi si vorrà aprire una sezione aperta a tutti nulla in contrario ma quello che è importante è uno spazio di confronto e interscambio fra tutti gli aderenti.

Sempre riguardo alla comunicazione porta a conoscenza del coordinamento che è stato interessato Marco Pettinelli  per dar vita ad una radio di Azione Civile, lo stesso sta cercando di progettarla e nel contempo si dichiara, dopo  richiesta esplicita di Valerio,  disponibile a collaborare col gruppo informatico, cosa che ha già fatto in passato. La proposta di Borghetti viene accolta dal Presidente e dal coordinamento tutto.

Concorda poi con la richiesta del Presidente di provvedere ognuno per il suo territorio sia ad un resoconto della partecipazione ai comitati referendari che sulla situazione  dei comuni dove si voterà riservandosi di provvedere con apposito report. Conclude l'intervento con la richiesta di attenzione da parte di tutti alla posizione di Anpi che aderisce al Comitato del NO ma non a quello del SI, non aderisce al referendum NO Triv, non a quello della scuola e ancora non si è pronunciata sull'eventuale referendum sul Jobs act, tutti argomenti che ci vedono invece impegnati sia come aderenti che come promotori

Interviene di Giusy Clarke Vanadia


Giusy Clarke si congratula per le notizie date relative al nuovo sito. Chiede se sará possibile ricevere delucidazioni-assistenza  per acquisire dimestichezza con la sua utilizzazione e le  tante opportunitá che questo mezzo offre. Riferisce dell´incontro avuto con Risorgimento Socialista, partito con il quale si è aperto un positivo dialogo ed intenti di collaborazione, sia in Sicilia che a livello nazionale. Un primo momento di questo percorso  potrebbe essere un dibattito sulla legalitá in cui si presenterebbe la proposta di Legge La Torre bis.  Chiede che sia il Presidente stesso a definire una data con il portavoce nazionale Franco Bartolomei,  che è stato tra i primi ad aderire al comitato promotore della nostra legge. Da definire anche la cittá, Catania, Palermo, altro. Riguardo alla La Torre bis ed alla stagione referendaria che sta per aprirsi, solleva questioni organizzative e di tempistica. Le iniziative del Coordinamento Democrazia Costituzionale (CDC) su Italicum e controriforma costituzionale, con tutta probabilitá,  copriranno l´arco di tempo che va dal 1º aprile fino al 30 giugno.  Contemporaneamente, altre iniziative sono in atto, Legge 107/2015 sulla scuola, No Triv, jobs Act. La legge La Torre bis deve inserirsi in questo panorama. Dobbiamo, quindi,  essere pronti nei medesimi tempi, avere giá realizzato la campagna informativa e svolto gli adempimenti di legge previsti, nonché disporre della modulistica. Relativamente alla nostra partecipazione al CDC in Sicilia,  siamo presenti a Palermo, Catania dove siamo  trainanti e si sta cercando di promuoverlo anche in altri comuni. Per le amministrative, condivide quanto espresso dal Presidente sulla partecipazione e sostegno a liste civiche e a singole persone che rappresentino i valori del nostro movimento. Ha assunto informazioni su qualche  comune in Sicilia dove ci saranno le elezioni per, eventualmente, sostenere candidati in armonia con la nostra linea politica, ma fin ora non ha trovato riscontro.Infine, sollecita e chiede al Presidente di pensare ad una data per convocare l´assemblea regione Sicilia per l´elezione dei referenti, possibilmente entro Marzo. Ció anche in vista della scadenza delle tessere 2015 fissata ad aprile. Ringrazia per l´attenzione e saluta.

Interviene GianLuigi Ago

Gian Luigi Ago concorda con quanto prospettato riguardo al "tesseramento" e al nuovo sito/newsletter/Forum.
Riguardo al Forum ritiene che debba essere riservato solo agli aderenti effettivi ad AC, in quanto aprirlo ai simpatizzanti comporterebbe dei rischi. Non essendo il "simpatizzante" uno status giuridico identificabile, un'apertura ai simpatizzanti permetterebbe l'entrata di chiunque e tutto sarebbe uguale a una qualsiasi discussione su Facebook con annessi troll.
Riguardo alle elezioni amministrative ritiene che si debba eventualmente partecipare senza i propri simboli a puro titolo pèrsonale e unicamente in liste civiche che non abbiano nomi che alludano comunque a schieramenti partitici.


Riguardo alla radio pensa che sia un'ottima idea e rende noto di essere stato dirigente e anche realizzatore e speaker di trasmissioni radio/televisive anche a livello nazionale.
Riguardo a un eventuale giornale online si riserva, quando se ne parlerà, di intervenire in quanto a conoscenza di precisi progetti su come poterlo realizzare, sul personale necessario e su eventuali costi.

Interviene Leda Santosuosso

Leda Santosuosso  è contraria alla proposta di Borghetti sull’art. 2 del regolamento. Trova che sia rischioso arrivare a ridosso della votazione senza avere la certezza che l’aderente sia in regola con il pagamento. Meglio sarebbe lasciare l’art. 2 come era stato inizialmente proposto:

art. 2 Hanno diritto a partecipare all’assemblea digitale i soggetti aderenti ad Azione Civile risultanti alla data di 20 giorni precedenti l'inizio della discussione

Ricorda, come già comunicato, che Azione Civile è presente nel CDC regionale abruzzese ed in quello provinciale teramano. Si attende la costituzione del coordinamento provinciale pescarese che sta seguendo Gianni Caramanico, altro referente regionale. Purtroppo sulle altre due province abruzzesi, L’Aquila e Chieti, non abbiamo aderenti attivi.

Interviene Carmela Blandini

In Italia si legge sempre di meno, i dati sono veramente allarmanti e dovremmo cominciare a preoccuparci della futura ignoranza che dilagherà nel paese sia a causa di questo problema e sia a causa della cattiva legge sulla "buona scuola"... Ho pensato che i due problemi vanno affrontati di pari passo, perchè entrambi sono alla base della mancanza di cultura nella nostra società...per questo motivo ho appena aperto una pagina facebook di consigli sui libri che tutti dovremmo leggere e specialmente i giovani. Mi avvalgo della collaborazione di quanti vorranno partecipare e anche di Michele Gentile, persona di cultura e titolare della libreria EX LIBRIS di Polla che è molto attivo nella diffusione di invito alla lettura.

 link alla pagina:  https://www.facebook.com/Campagna-a-Favore-Della-Lettura-974064679350090/

 

Al termine degli interventi si passa alla fase deliberativa.

Il preventivo viene approvato all’unanimità. Emanuela Lazzari può provvedere all’acquisto delle tessere.

Per la proposta di regolamento si approva quanto segue:

Il regolamento verrà approvato dall’assemblea digitale che sarà convocata con le regole attuali (tutti gli aderenti al momento). Verranno messe in discussione le tre opzioni emerse in questo coordinamento.

 

1. Art. 2 Hanno diritto a partecipare all’assemblea digitale i soggetti aderenti ad Azione Civile risultanti alla data di 20 giorni precedenti l'inizio della discussione.

2. Art. 2 Hanno diritto a partecipare all’assemblea digitale i soggetti aderenti ad Azione Civile risultanti alla data di 20 giorni precedenti l'inizio della discussione e, nel caso di assemblea convocata entro il mese di aprile, coloro che risultano aderenti nell'anno precedente e non abbiano ancora rinnovato l'adesione nell'anno in corso (purché sempre in sintonia con l’art. 2 dello Statuto).

3. Art. 2 Hanno diritto a partecipare all’assemblea digitale i soggetti aderenti ad Azione Civile risultanti alla data di 20 giorni precedenti l'inizio della discussione, coloro che risultano aderenti nell'anno precedente e non abbiano ancora rinnovato. Possono partecipare al voto coloro che sono in regola con l'adesione nei 5 giorni precedenti la fase di conclusione di discussione e comunque prima dell'inizio della fase di votazione.

 Si ipotizza come data iniziale dell’assemblea digitale il 19 marzo 2016.

 

Valerio Borghetti riprende la parola prima che si concluda la seduta chiedendo che si faccia tutto il possibile affinché chi ricopre cariche nel coordinamento, nel comitato operativo, nei gruppi tematici o in qualsiasi altro organismo abbia almeno la cortesia di rispondere alle domande, alle mail o alle discussioni sulle piattaforme informatiche dedicate. Tutto ciò per una forma di rispetto verso tutti e verso la serietà del Movimento che ad ogni livello si rappresenta.

Il Presidente, inoltre, chiede al Comitato Operativo di inviare una email ai vari referenti regionali affinché redigano un documento sullo stato dell’arte per quanto riguarda  elezioni amministrative e presenza nei vari comitati promotori referendari.

 

La riunione si scioglie alle ore 16:30

Report redatto dal Comitato Operativo Azione Civile

e-max.it: your social media marketing partner

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna